Ultimo aggiornamento: 2 settembre 2020


Il 28 giugno 1911 il corrispondente di Bormio inviava questa corrispondenza al giornale La Valtellina: «Vi ho scritto che da Oga era sparito un bimbo, certo Giuseppe Santelli, di anni 3, e che si sospettava fosse stato rapito dagli zingari. Invece il piccino, smarritosi tra la folla della Fiera [di SS. Gervasio e Protasio], volendo tornare a casa, prese la via della montagna e morì sperduto, di fame e di freddo! …
La drammatica vicenda è ora delicatamente narrata in immagini, poesia e canto nel filmato 1911 La storia di Pinìn, il bambino delle ciliegie realizzato da Giovanni Peretti che, sul proprio canale Youtube, propone altri interessantissimi documentari e interviste della piccola storia delle nostre valli e dei suoi dialetti.


Domenica 6 settembre 2020 | ore 20:30, presso campo sportivo di Frontale (Sondalo)
secondo, e ultimo appuntamento, della rassegna “DocuRitratti – Proiezioni a cielo aperto” con la visione del documentario “Minör” realizzato dai registi emergenti Matteo Bontempi, Giacomo Mantovani, Andrea Panni e Pietro Repisti, della Civica Scuola di Cinema “L. Visconti” di Milano.
Frontale, frazione di Sondalo. Da generazione i suoi figli si sono dedicati a un mestiere tanto antico quanto duro: quello del minatore. Un destino che continua ancora oggi, mutato secondo le esigenze dei tempi, ma che non ha per questo perso la memoria di cosa significhi essere chiamato minör. Una tradizione resa celebre anche dal cantautore e Cittadino onorario di Sondalo, Davide Bernasconi in arte Van De Sfroos, che ha raccontato in musica le gesta del “Minatore di Frontale” divenuta una canzone simbolo di appartenenza dell’intera Valtellina.

Alla serata, condotta da Fausto Molinari, saranno presenti i registi e alcuni tra i protagonisti del documentario.

IL FILM
Frontale è un piccolo paese dell’Alta Valtellina i cui abitanti da generazioni tramandano il mestiere del minör. Attraverso le testimonianze di alcuni tra gli ultimi minatori italiani si costruisce la narrazione di tecniche di lavoro ormai superate, ma non del tutto scomparse, dove l’esperienza, le conoscenze pratiche e la trasmissione dei saperi professionali uniscono i lavoratori di oggi a quelli di ieri in un senso collettivo di appartenenza. Il lavoro del minatore, che ha da sempre caratterizzato questa comunità, rischia oggi di scomparire di fronte alla difficoltà delle nuove generazioni di intraprendere questo mestiere, ai progressi tecnologici e alla minor necessità di manodopera. Il documentario porta sullo schermo il fragile legame tra le condizioni di lavoro nella galleria negli anni Cinquanta e la freddezza dei macchinari moderni, a discapito degli stereotipi che spesso erroneamente leghiamo all’immagine del minatore con piccone e lanterna. Nonostante cambino le tecniche e passino gli anni, come nelle viscere della galleria il lavoro duro e lo spirito di solidarietà sono rimasti invariati nel tempo, così in superficie ancora vive l’orgoglio di essere minör.

 


Venerdì 4 settembre 2020, ore 20:30, presso la Chiesa di S. Maria maggiore di Sondalo.
Lambertenghi: breve storia di padre e figlio tra fede e arte, con Gisi Schena, collaboratrice del Centro Studi Storici Alta Valtellina e Michele Parolini, parroco e storico locale.
La serata, a ingresso libero, sarà tenuta nel pieno rispetto delle normative sanitarie in corso.

L’ultimo appuntamento dI “Sondalo incontra…” riguarda la figura storica del Prevosto Lambertenghi, un personaggio molto caro a Sondalo; parroco in paese a fine Settecento, conosciuto ai più come taumaturgo, soprattutto per le sue (presunte) profezie. Gisi Schena e Michele Parolini racconteranno la figura del prevosto e di suo padre, tra fede e arte.

“Sondalo Incontra…” ricorda di sostenere l’iniziativa promossa dal FAI Delegazione di Sondrio per votare il “Complesso monumentale paesaggistico del Villaggio Morelli di Sondalo” come Luogo del Cuore 2020. Sostieni la candidatura del sanatorio più grande d’europa firmando alla pagina https://www.fondoambiente.it/luoghi/ex-sanatorio-emorelli-e-parco?ldc

 


 

Concorso di poesia dialettale.

La Giuria ha proceduto a all’attribuzione dei punteggi e alla formazione della graduatoria del concorso di poesia dialettale di Sondalo – edizione 2019/2020.
La serata di premiazioni, durante la quale verrà resa nota la graduatoria,  avrà luogo nel prossimo autunno, se la situazione e le misure sanitarie vigenti in quel periodo lo consentiranno.

 


Stelvio

Il video nasce da una collaborazione tra il Coro Stelvio e il Centro Studi Storici Alta Valtellina

Maċ al descéda i nin, / maċ al descéda i còr, / al spant i fiór sui špin, / per l ària pólver d òr. / Al pòrta góla pléna / de vöglia de cantàr. / Tót al se raseréna: / al cél, la tèra, al mar.
don Remo Bracchi, da “Armet”, poesia liberamente ispirata a “Maggiolata” di Giosuè Carducci:
Maggio risveglia i nidi, / maggio risveglia i cuori, / porta le ortiche e i fiori / i serpi e gli usignol. / Tra colli, prati e monti / di fior tutto è una trama: / canta, germoglia ed ama / l’acqua, la terra e il ciel.

Stelvio
Parole di Edy Romani, Musica di Matteo Bertolina

L’allegro gorgoglio / del Braulio tra le foglie / riscrive l’armonia / d’una canzone nuova. / La neve che si scioglie / lo Stelvio si rinnova. / Tra cielo e Paradiso / fra prà di stelle alpine / ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / E anche in quel tuo libro / i fiori che t’ho dato / l’anemone citrina, / la stella mia di lana. / La neve che si scioglie / lo Stelvio si rinnova. / Tra pagine segrete / col blu d’una Genziana / ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Fanciulla vien con me / su per i prati in fior. / Lo Stelvio è una culla / d’amore per l’Amor.

 


 

Museo Vallivo di Valfurva: Mostra 10 Oggetti (D)Alla Fine Del Mondo – alla luce dell’antropologia culturale, dall’11 luglio 2020 al 15 settembre 2020. Visite nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica dalle 15:30 alle 18:30. Inaugurazione: venerdì 10 luglio 2020, ore 17:00.
I mondi nascono e muoiono ma lasciano traccia di sé negli oggetti, testimoni materiali delle vite delle persone. La mostra presenta 10 oggetti che arrivano dalla fine del mondo contadino di montagna e che ci vengono incontro alla fine del mondo che abbiamo conosciuto finora. Alla luce della pandemia e dell’antropologia, rivelano qualcosa di sé e di noi che forse non sapevamo. Ulteriori informazioni sul sito del Museo di Valfurva.

 


Museo Civico di Bormio: Mostra “Simboli di fede” – esposizione di medagliette, crocifissi, reliquiari e miniature della collezione di Rita Sosio. La mostra rimane allestita dal 27 giugno 2020 al 17 ottobre 2020. Orari: tutti i giorni 10:00-12:30 e 15:00-19:00. Chiuso il lunedì

 

 

 

 


 

Concorso di poesia dialettale – aggiornamento

Si avvisa che il Comune di Sondalo nel mese di febbraio ha dovuto affrontare diverse importanti problematiche, ora intensificate anche dalla situazione creatasi per il coronavirus. L’assessorato alla Cultura ha garantito il prosieguo delle operazioni del concorso che si svolgeranno nel corrente mese di marzo. La serata di premiazione sarà comunicata quanto prima, anche in considerazione degli sviluppi della crisi epidemica.

Nel frattempo l’amico Paolo Piani di Albosaggia ci ha inviato una poesia intitolata Dói paròli al coronavirus, come al solito ironica e divertente. La condividiamo con l’intento di strappare un sorriso in questi giorni di necessaria “clausura” forzata.

 


 

Dal 5 al 29 febbraio 2020 le fotografie del Capitano D’Albertis sono esposte nuovamente al Museo Civico di Bormio. La mostra è aperta dal lunedì al sabato dalle 14:30 alle 18:30.

È ancora disponibile il catalogo della mostra al costo di euro 5 a copia.

 

 

 

 


 

È venuto a mancare Elio Bertolina, da anni collaboratore infaticabile e apprezzato del Centro Studi Storici Alta Valtellina, oltreché stimato consigliere e membro di varie associazioni culturali. Studioso in perenne ricerca per scovare tutto quanto riguardasse la storia della sua Valfurva, che sentiva tanto più vicina per il fatto di viverne distante e che amava immensamente; non a caso fu il vero artefice della cordata che portò alla riscoperta e valorizzazione della minuscola chiesetta di Teregua, splendore locale che l’associazione da lui fondata ha salvato da un impietoso degrado. Lo ricordiamo con affetto unendoci al cordoglio della famiglia.

 


 

Sono disponibili le prime copie del Bollettino Storico Alta Valtellina n. 22 (2019). Gli interessati possono ritirarlo direttamente presso la segreteria del Centro Studi c/o Comunità Montana Alta Valtellina, a Bormio in via Roma 1.
Le spedizioni saranno effettuate nei primi mesi del 2020.

 

 

 

 

 


Dal 26 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020 presso il Mulino Salacrist di Bormio avrà luogo Na tele in arte, esposizione di bodypainting e workshop artistici . Nel corso dell’esposizione saranno effettuati laboratori gratuiti con obbligo di iscrizione telefonando al n. 3313194712 (fino a esaurimento posti disponibili). Saranno inoltre effettuate conferenze, spettacoli di burattini… Scarica il programma con tutte le informazioni

 

 

 


Venerdì 20 dicembre 2019, ore 21:00, presso la Sc’tua Granda di Palazzo de Simoni di Bormio torna l’ormai tradizionale appuntamento A Natal… tra canti e poesia – serata di poesie dialettali natalizie con intermezzi musicali del Coro Stelvio diretto dal Maestro Matteo Bertolina, con la partecipazione del Bormio Young Vocal Ensemble diretto dal Maestro Davide Riva.

Guarda il filmato del 21 dicembre 2019: il Coro Stelvio esegue Cuse lóresc a far, breve poesia di don Remo Bracchi, musicata e armonizzata dal M° Matteo Bertolina


22 dicembre 2019, ore 17:00, Sala Consiliare di Livigno: 4° compleanno del Mus! Museo Etnografico di Livigno e Trepalle

 

 

 

 

 


Albert Camus, Lo straniero

Settimo incontro con i Nobel per la Letteratura. Albert Camus, Lo straniero. Bormio – Sala Congressi Bormio Terme, via Stelvio 14, sabato 28 dicembre 2019 ore 17:00. Conduce e coordina Leo Schena, partecipa Davide Vago, voce narrante Christian Poggioni. Organizzazione Banca Popolare di Sondrio. Scarica l’invito


Sondalo, 4 gennaio 2020, ore 17:00 – Sala Conferenze del Museo dei Sanatori di Sondalo: Arte rupestre in Valtellina. Nuove prospettive dal progetto “Le radici di un’identità”. Relatore Francesco Ghilotti

 

 

 

 


Concorso di poesia dialettale di Sondalo 2019/2020

scadenza: 31 gennaio 2020