LE NOVITA’

Assemblea ordinaria

E’ convocata l’assemblea del Centro Studi Storici Alta Valtellina per il giorno martedì 24 maggio 2022, in prima convocazione alle ore 17:00 e in seconda convocazione alle ore 20:30. Presso la S’tua Granda del Castello de Simoni si discuterà di bilancio, attività sociale, programmazione e si procederà al rinnovo del Consiglio per il prossimo triennio 2022-2025.

 

 

Intrecci linguistici

Sabato 22 maggio 2022 verrà organizzato un convegno internazionale di linguistica e dialettologia in memoria del prof. don Remo Bracchi presso l’aula magna dell’Istituto Superiore “Alberti”. Una giornata in cui i saperi dei diversi autori si incontreranno in un abbraccio ideale e in una convergenza di ideali, come sarebbe piaciuto a don Remo.

http://www.cssav.it/wp-content/uploads/2022/04/pieghevole.pdf

 

 

Sondalo: al via la X edizione del Concorso di poesia dialettale.

Dopo una lunga pausa, il Comune di Sondalo, con il supporto del Centro Studi Storici Alta Valtellina e dell’associazione Pro Grigioni Italiano, ripropone, con ottimismo e fiducia, la nuova edizione del “Concorso di poesia dialettale” per la Provincia di Sondrio e il Grigionitaliano, con l’auspicio di vedere un’ampia partecipazione di poeti, vecchi e nuovi, che con i loro componimenti riportino occasioni di meditazione, di riflessione e nostalgie, di sorrisi e leggerezza, di momenti intimi e racconti di vita.

Il bando con tutti i criteri e le modalità di partecipazioni è scaricabile alla pagina www.cssav.it e sui seguenti siti www.comune.sondalo.so.it www.pgi.ch

 

_________________________________________________

Tra cielo e terra è un progetto di fotografia partecipata che ha coinvolto tutti gli abitanti della Lombardia in una ricerca collettiva attraverso il proprio territorio, alla ricerca delle figure sacre che lo abitano fotografate immerse nel loro paesaggio, ossia quello che si trova di fronte alle edicole, affreschi, medaglioni, tempietti. Il progetto, sostenuto da Fondazione Cariplo e realizzato insieme a AESS – Archivio di Etnografia e Storia Sociale e Fondazione Ente dello Spettacolo, ha potuto contare sulla collaborazione di musei, ecomusei, accademie e di tantissimi volontari che si trovano in ambiti geografici molto differenti, per riuscire a raggiungere un pubblico ampio e per coprire un territorio così vasto. Nel nostro piccolo, siamo orgogliosi di aver contribuito grazie all’opera del nostro associato Sig. Giovanni Fossati e della nostra consigliera Debora Tam. 

→ A questo link la mappa delle santelle mappate in Alta Valle

→ A questo link il video con il contributo dei nostri collaboratori (al minuto 12.25) 

_________________________________________________

Il Centro Studi Storici Alta Valtellina è partner della VEL Libreria del Viaggiatore in un progetto di rielaborazione della “Guida alla Valtellina” edita dal Cai nel 1873. Nato da un’idea di Erik Viani, il progetto si propone di ripercorrere alcune delle grandi vie proposte nel 1873 attualizzandole al XXI secolo grazie alla collaborazione di studiosi e professionisti locali: storici, geologi, guide alpine e accompagnatori di mezza montagna e scrittori, tutti grandi conoscitori della nostra Valle e delle sue particolarità locali. I primi “capitoli” di questa riscoperta si sono concretizzati nel 2021 (zone di Chiavenna e della val d’Ambria), gli altri itinerari verranno percorsi nell’immediato futuro. A questo link le informazioni sul progetto.

_________________________________________________

Ci teniamo a sottolineare una collaborazione che ha richiesto un discreto impegno in termini di ricerca e di rielaborazione, nonostante il silenzio che l’ente di riferimento ha steso su tale apporto da parte del Centro Studi Storici Alta Valtellina. Ci riferiamo alla nuova proposta turistica denominata “Bormio 360 Adventure Trail“, che si sta realizzando per ampliare l’offerta escursionistica del comprensorio: 10 tappe di un sentiero a una quota 1800 mt., che sarà percorribile a piedi o in mountain bike per la lunghezza di 180 km., e ciascuna di queste 10 tappe è stata pensata come un’area tematica specifica, con le sue caratteristiche sotto diversi punti di vista: geomorfologico, ambientale, storico, ecc. Ebbene, il Centro Studi Storici, a tale riguardo, ha avuto non poca parte nell’individuare le peculiarità storiche delle tappe in questione e, spesso, nel definire il nome stesso della tappa, con estro e con consapevolezza. Non è per vantarci, quindi, che facciamo questa puntualizzazione: siamo convinti che la collaborazione di tutti sia fondamentale per aprirsi a nuove opportunità, ma sarebbe anche corretto riconoscere a ciascuno il giusto contributo intellettuale e pratico; altrimenti, ci si sente solo una “manovalanza”.

A questo link trovate la bozza con le proposte che il Centro Studi ha consegnato, su richiesta, per il progetto in questione.

A questo link tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla percorribilità del progetto sentieristico. 

_________________________________________________

Proseguono le nostre collaborazioni con le varie realtà locali per la divulgazione della storia locale e per una maggiore consapevolezza delle proprie radici. Dal rapporto proficuo con l’albergo Adele, è scaturita questa bella pagina sulle acque termali. La potete leggere a questo link

Nella foto, il Bagno delle Pecore intorno al 1894 (proprietà Castello D’Albertis Museo delle Culture del Mondo)

 

 

_________________________________________________

Il Centro Studi Storici Alta Valtellina ha collaborato con l’Università IULM di Milano, Dipartimento di Studi Umanistici, per la realizzazione di una mostra virtuale che tocca tutte le località che saranno sede delle Olimpiadi invernali 2026. Bormio, Livigno, Cortina, la val di Fiemme… realtà alpine dove la vita si è sempre svolta con grande fatica e dove la dimensione femminile è spesso stata sacrificata e limitata a una cerchia di attività e ruoli.

Un drappello di signore e signorine immortalate all’opera nei contesti rurali dell’epoca o in quelli sportivi della contemporaneità, accomunate dalla fatica e dal sacrificio; donne dalla forza espressiva dirompente, col volto corrucciato o allegro, con la schiena piegata dal gerlo o con i merletti svolazzanti, raramente con le mani in mano e quasi sempre ritratte con la famiglia, vero fulcro della loro vita. Leggi l’articolo completo. La mostra è visitabile alla pagina lamontagnalfemminile.it

_________________________________________________

E’ uscito il Bollettino Storico Alta Valtellina n. 24 (anno 2021). Gli interessati possono ritirarlo nei seguenti punti:

  • sede del CSSAV in via Roma 1 a Bormio, c/o Comunità Montana Alta Valtellina, 1° piano, tutte le mattine con orario 8:00-13:00, tel. 0342-912300

  • sede della cooperativa Stella Alpina in via Della Vittoria 27/A a Bormio con orario 8:30-12:30, tel. 0342 904161

 

 

 

_________________________________________________

Sono online i testi e la graduatoria del IX concorso di poesia dialettale promosso dal Comune di Sondalo in collaborazione con il ProGrigioni Italiano e il Centro Studi Storici Alta Valtellina

 

 

 

_________________________________________________

 

Si è svolta l’assemblea del CSSAV per l’approvazione dei bilanci 2019/2020 e del rendiconto di gestione 2019. Gli sconvolgimenti prodotti dall’emergenza covid-19 hanno determinato per i mesi pregressi una situazione di stallo circa i normali adempimenti dell’associazione, sui quali il Consiglio si sta ora adoperando per riportarsi alla pari con quanto previsto dalle disposizioni. A questo link trovate i bilanci e il rendiconto.

 

_________________________________________________

Rappresentare il coronavirus attraverso una mostra di manichini: idea nemmeno tanto bizzarra, se si pensa al fatto che siamo rimasti immobilizzati per buona parte di questi 18 mesi di pandemia, incapaci di muoverci, fissando oltre alle nostre finestre uno spazio completamente svuotato delle solite attività che ci circondavano.

Biagio Duca, fotografo professionista di moda, nella desolazione dei mesi trascorsi si è chiesto se quei manichini abbandonati in casa che normalmente utilizzava per lavoro, potessero essere trasformati in qualcosa di vivo, ovvero se si potesse trasformare il loro “freddo immobilismo da vetrina” in uno stato di artistica vitalità. La risposta è la mostra “Era Virale” che è appena stata inaugurata al mulino Salacrist di Bormio e che resterà aperta e visitabile sino al 25 agosto 2021: 15 manichini completamente reinterpretati con l’arte del bodypainting, che gireranno tutta l’Italia in una esposizione itinerante (restrizioni permettendo) nata dalla volontà di simboleggiare la rinascita attraverso l’uso dei colori, a ricoprire corpi altrimenti uniformi. Anche il CSSAV ha collaborato attivamente alla realizzazione dell’esposizione.

A questo link tutte le informazioni

_________________________________________________

Il Bollettino storico n. 23 è in arrivo! Ci pensano i ragazzi di Special Sport a portarvelo, dopo aver organizzato tutto il lavoro di imbustamento e di etichettatura. Special Sport porta la storia locale direttamente nelle vostre case grazie a una collaborazione tra Centro Studi Storici e il settore Special Sport dell’US Bormiese.

La distribuzione a mano nelle vie e nelle frazioni dell’Alta Valle ha suscitato molto apprezzamento, perchè ha dato la possibilità ai ragazzi di incontrarsi con la gente, di stabilire relazioni, di scoprire meglio le frazioni e anche di provare la sensazione di sentirsi utile”

_________________________________________________

 

Sono disponibili le prime copie del Bollettino Storico Alta Valtellina n. 23 (anno 2020). Gli interessati possono ritirarlo direttamente presso la segreteria del Centro Studi c/o Comunità Montana Alta Valtellina, a Bormio in via Roma 1 nei seguenti orari: 8:00-13:00 da lunedì a venerdì. 

Le spedizioni saranno effettuate nei primi mesi del 2021.

 

 

 

 

_________________________________________________

I bambini delle classi V elementari di Bormio hanno voluto salutare il 2019 con alcune belle esibizioni al Museo Civico e nel corso della mattinata hanno presentato al pubblico il progetto “Al fil del regòrt” nato da un’idea del Centro Studi Storici Alta Valtellina, a cui hanno lavorato durante l’anno scolastico accompagnati dalle loro maestre. Dopo un attento lavoro di studio e di ricerca condotto insieme agli altri bambini che all’epoca frequentavano la V elementare e che oggi sono in I media, gli alunni sono stati protagonisti di una serie di piccoli video – non a caso chiamati “Videopillole di storia” – in cui vengono proposte alcune curiosità della Bormio antica. Fatterelli realmente accaduti, ma che restano nascosti tra le pieghe della storia maggiore, e che i bambini hanno interpretato molto bene presentandosi vestiti “come una volta”. I video sono stati girati in alcuni punti particolari del centro di Bormio e sono stati poi montati dai bravissimi Michele Codazzi e Marta Rini: il risultato è stato di gran lunga superiore alle aspettative e anche i genitori hanno potuto scoprire dalla viva voce dei loro figlioli brevi frammenti di storia locale. 

_________________________________________________

 

Dalla collaborazione con le classi elementari IV e V dell’Istituto Comprensivo “M. Anzi” è nato il bellissimo progetto delle “Al fil del regòrt”, ovvero videopillole di storia; nel mese di maggio gli alunni sono stati ripresi nelle vie del centro storico di Bormio, abbigliati con i costumi dei nostri nonni e hanno spiegato con parole semplici e chiare (cioè in pillole) la storia del borgo. La particolarità? Lo hanno fatto tutto in dialetto!! 

 

 

_________________________________________________

 

Segnaliamo ai nostri amici e soci che il canale Youtube del ricercatore Giovanni Peretti, tra le tante attività, contiene alcuni interessantissimi documentari e interviste della piccola storia delle nostre valli e dei suoi dialetti. A questa pagina il link

 

 

________________________________________________

Il video nasce da una collaborazione tra il Coro Stelvio e il Centro Studi Storici Alta Valtellina, in un perfetto esempio di trasversalità culturale che abbraccia ogni talento e ogni sensibilità artistica. Dalla poesia di don Remo Bracchi intitolata “Stelvio”, pubblicata nella raccolta “Armet” e liberamente ispirata a “Maggiolata” di Giosuè Carducci, il coro omonino leva la sua voce vibrante a risvegliare i cuori.

Maċ al descéda i nin, / maċ al descéda i còr, / al spant i fiór sui špin, / per l ària pólver d òr. / Al pòrta góla pléna / de vöglia de cantàr. / Tót al se raseréna: / al cél, la tèra, al mar.
Maggio risveglia i nidi, / maggio risveglia i cuori, / porta le ortiche e i fiori / i serpi e gli usignol. / Tra colli, prati e monti / di fior tutto è una trama: / canta, germoglia ed ama / l’acqua, la terra e il ciel.

 

Stelvio
Parole di Edy Romani, Musica di Matteo Bertolina

L’allegro gorgoglio / del Braulio tra le foglie / riscrive l’armonia / d’una canzone nuova. / La neve che si scioglie / lo Stelvio si rinnova. / Tra cielo e Paradiso / fra prà di stelle alpine / ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / E anche in quel tuo libro / i fiori che t’ho dato / l’anemone citrina, / la stella mia di lana. / La neve che si scioglie / lo Stelvio si rinnova. / Tra pagine segrete / col blu d’una Genziana / ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Ne coglieremo alcune / da metter sul tuo cuore. / Fanciulla vien con me / su per i prati in fior. / Lo Stelvio è una culla / d’amore per l’Amor.

_________________________________________________

Concorso di poesia dialettale – aggiornamento

Si avvisa che il Comune di Sondalo nel mese di febbraio ha dovuto affrontare diverse importanti problematiche, ora intensificate anche dalla situazione creatasi per il coronavirus. L’assessorato alla Cultura ha garantito il prosieguo delle operazioni del concorso che si svolgeranno nel corrente mese di marzo. La serata di premiazione sarà comunicata quanto prima, anche in considerazione degli sviluppi della crisi epidemica.

Nel frattempo l’amico Paolo Piani di Albosaggia ci ha inviato una poesia intitolata Dói paròli al coronavirus, come al solito ironica e divertente. La condividiamo con l’intento di strappare un sorriso in questi giorni di necessaria “clausura” forzata.

_________________________________________________

Le fotografie del Capitano D’Albertis sono esposte al Museo Civico di Bormio. L’esposizione è frutto della ricerca condotta da Gisi Schena, consigliere del Centro Studi Storici, sulla figura dell’eccentrico genovese giramondo Enrico Alberto De Albertis, che immortalò su centinaia di lastre fotografiche, molti aspetti e località dell’Alta Valle tra il 1894 e il 1901. Le immagini sono state acquistate dal CSSAV per la divulgazione a fini culturali.

A questo link l’articolo completo

Il catalogo della mostra è disponibile al costo di euro 5 presso la sede del CSSAV.

_________________________________________________

 

È venuto a mancare Elio Bertolina, da anni collaboratore infaticabile e apprezzato del Centro Studi Storici Alta Valtellina, oltreché stimato consigliere e membro di varie associazioni culturali. Studioso in perenne ricerca per scovare tutto quanto riguardasse la storia della sua Valfurva, che sentiva tanto più vicina per il fatto di viverne distante e che amava immensamente; non a caso fu il vero artefice della cordata che portò alla riscoperta e valorizzazione della minuscola chiesetta di Teregua, splendore locale che l’associazione da lui fondata ha salvato da un impietoso degrado. Lo ricordiamo con affetto unendoci al cordoglio della famiglia.

 

 

_________________________________________________

 

 

Sono disponibili le prime copie del Bollettino Storico Alta Valtellina n. 22 (2019). Gli interessati possono ritirarlo direttamente presso la segreteria del Centro Studi c/o Comunità Montana Alta Valtellina, a Bormio in via Roma 1.
Le spedizioni saranno effettuate nei primi mesi del 2020.

 

 

 

_________________________________________________

Dal 26 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020 presso il Mulino Salacrist di Bormio avrà luogo Na tele in arte, esposizione di bodypainting e workshop artistici . Nel corso dell’esposizione saranno effettuati laboratori gratuiti con obbligo di iscrizione telefonando al n. 3313194712 (fino a esaurimento posti disponibili). Saranno inoltre effettuate conferenze, spettacoli di burattini… Scarica il programma con tutte le informazioni

Altre info qui

 

_________________________________________________

E’ con profondo dolore che apprendiamo la notizia della morte di don Remo Bracchi, per noi tutti pilastro insostituibile a suggello delle nostre ricerche e soprattutto un uomo con uno spiccato animo da fanciullo, che sapeva farsi amare dalla gente senza ostentare in alcun modo quella eccezionale erudizione che in ambito culturale lo aveva reso famoso. Sostenitore della cultura sotto ogni forma e aspetto, aperto ad ogni tipo di collaborazione, non faceva mai mancare il suo appoggio e caldeggiava sempre il dialogo reciproco fra tutte le associazioni, molte delle quali hanno beneficiato del suo apporto e della sua conoscenza. Don Remo ci ha lasciato un capitale di studio e di umanità insostituibile, che ora sarà compito di tutti noi conservare e far fruttare. A questo link un breve ricordo del salesiano

 

 

 

_________________________________________________

Vi proponiamo un filmato del coro Stelvio diretto dal maestro Matteo Bertolina in azione durante l’appuntamento natalizio A Natal… tra canti e poesia – serata di poesie dialettali natalizie con intermezzi musicali. Il coro Stelvio esegue Cuse lóresc a far, breve poesia di don Remo Bracchi, musicata e armonizzata dal M° Matteo Bertolina.

 

 

 

 

 

_________________________________________________

Vi ricordiamo che nella sezione “Archivio” trovate tutte le news suddivise per anno e mese.

Per chi desiderasse un’anteprima di tutti i Bollettini, può consultare l’apposita sezione Bollettino Storico Alta Valtellina, che contiene anche l’elenco degli autori.

Vi ricordiamo che sono esauriti i numeri 1 e 20.

_________________________________________________